Toscana divinamente “tarocca”

Toscana divinamente “tarocca”

È di questi giorni la notizia che la Regione Toscana, nella persona dell’assessore al turismo Scaletti (PD), abbia speso circa 100.000€ per una campagna pubblicitaria di promozione turistica (Divina Toscana) che utilizza foto “taroccate” dipingendo una Toscana che nei fatti non esiste. Nonostante lo stesso Governatore Rossi si sia dichiarato contrario, la campagna proseguirà con investimenti pari a 1,5 milioni di euro presi dalle tasche dei cittadini toscani.

Per la Segreteria Apuana del Carroccio tutto ciò rappresenta “uno spreco di soldi pubblici moralmente inaccettabile in un periodo di crisi, se non altro perchè riteniamo che la Toscana non abbia bisogno di taroccamenti di studi grafici dai costi esorbitanti. Si nota tra l’altro una carenza di idee da parte dell’assessore Scaletti.”
Proseguono poi i responsabili della Lega Nord: ”Alla luce di ciò lanciamo una proposta che speriamo possa essere accolta dal Sindaco di Massa in quanto responsabile del turismo, d’esempio ad altri comuni e da lezione al PD toscano: utilizzare, previa autorizzazione e piccolo compenso, le foto scattate dai cittadini durante il concorso Ri-scattando Massa. Ad un costo quasi pari a zero, ne verrebbe fuori una campagna di promozione turistica della città senza eguali, frutto dell’abilità e del genio degli stessi Massesi nel cogliere dettagli, luci, atmosfere, scorci, paesaggi ed altre meraviglie di un territorio che solo chi lo vive quotidianamente e lo ama può catturare”.