Lega al 17% in Provincia di Massa: un successo di tutti quelli che ci hanno creduto

Lega al 17% in Provincia di Massa: un successo di tutti quelli che ci hanno creduto

Dalle urne è arrivata la migliore risposta della Lega Nord, anche in provincia di Massa Carrara, alle polemiche e alle contestazioni in malafede, spesso se non sempre,di chi non ha altri argomenti della menzogna di fronte all’evidenza della realtà. I numeri parlano chiaro. In provincia la Lega prende 12.593 voti, pari al 17,08 per cento. Borghi, appoggiato anche da Fratelli d’ Italia, è stato votato da 15.743 elettori pari al 20,94 per cento. Fra i candidati il più premiato è stato il segretario provinciale Andrea Cella con 3.008 preferenze, secondo posto per Erika Moscatelli con 2.108, seguita da Katia Palmieri con 1.320 voti e da Nicola Iacopetti con 902. La Lega Nord di Massa Carrara ringrazia tutti i cittadini che le hanno dato fiducia, impegnandosi a non tradirla e sottolineando il fatto che d’ora in poi i suoi eletti negli enti locali assumeranno grande importanza perchè supportati da sette consiglieri regionali e dalla presenza nella nostra provincia del coordinatore degli enti locali della Toscana Pietro Fontana. Consentiteci di rivolgere uno ‘speciale ‘ ringraziamento agli intolleranti che hanno messo in scena la protesta contro Salvini. Protesta basata su un fasullo anti-fascismo, tanto fasullo che pochi giorni prima, quando in città era arrivato l’ex ministro Ignazio La Russa, le cui simpatie politiche sono note, lo pseudo anti-fascismo era andato in vacanza… Una lezione soprattutto per coloro che erano in piazza come consiglieri comunali, sulla cui credibilità si è avuto un chiaro riscontro dal voto… Si voleva mettere il bavaglio a una forza politica che con oltre il 20 per cento è ora seconda in Toscana, da parte di persone che rappresentano solo se stesse.