Incontro con il Ministro calderoli

Incontro con il Ministro calderoli

FORTE DEI MARMI. Non solo Lega, all’incontro che si è svolto domenica pomeriggio presso il Versilia Holidays Hotel al quale ha partecipato il ministro per la semplificazione normativa Roberto Calderoli. Invitato dalla capolista della circoscrizione di Lucca della Lega Nord Toscana Marina Staccioli, il ministro Calderoli, puntualissimo al suo appuntamento, è stato accolto nel salone della struttura sulle note del “Và pensiero” di Giuseppe Verdi, la melodia proposta dal Carroccio per sostituire l’inno di Goffredo Mameli quale inno nazionale, e si è seduto allo stesso tavolo e davanti alla stessa, foltissima platea, con il segretario regionale del partito, Claudio Morganti, quello della federazione di Massa Carrara Federico Meanti, ed una rappresentanza dell’amministrazione viareggina. In sala, tra il pubblico, tanti militanti nelle fila della Lega toscana, con delegazioni provenienti praticamente da ogni città della regione, ma anche tanti rappresentanti di categoria quale quella del balneari, decisamente protagonista della società in una zona come quella versiliese, e tanti semplici elettori, curiosi di ascoltare le parole di uno dei ministri che negli ultimi tempi ha operato con maggiore zelo nell’ambito delle politiche del governo: migliaia le leggi abrogate dal momento del suo insediamento ad oggi, consistenti i tagli applicati al numero dei rappresentanti istituzionali dei vari enti del territorio ed alla retribuzione degli stessi, e decisamente ironico il modo scelto dal politico per illustrare al pubblico i risultati fino ad oggi ottenuti dal suo ministero: <>. Molto colore, nell’approccio del ministro a questo tema, spinosissimo: <>. Varie le tematiche trattate dal ministro nella sua mezzora di intervento: nel mirino anche le regioni a statuto speciale, e più in generale quanto inerente la messa a disposizione di finanziamenti vari alle regioni nel pre-federalismo: <>. Quasi amichevole anche il modo in cui i rappresentanti dei balneari locali, particolarmente lieti di quanto fatto dal ministro in materia di canoni balneari, hanno deciso di salutarlo a fine incontro: il dono di un paio di pantaloncini da bagnino e di un fischietti, entrambi rigorosamente verde “Lega” hanno fatto sorridere il ministro, che ben poco avvezzo agli ambienti della spiaggia ha gradito il simpatico omaggio.
di Margherita Mazzarella