APT… a luci rosse

APT… a luci rosse

Quando l’ironia della sorte ci metto lo zampino, quando aprendo un link su una pagina che parla di anima e spiritualità, una pagina che pubblicizza un evento organizzato dalla Diocesi presso la biblioteca del seminario, si apre un sito semi pornografico. E’ quello che acceda da qualche giorno aprendo la pagina del sito dell’Apt di Massa Carrara (www.aptmassacarrara.it) e cliccando sull’intestazione dell’evento “Custodire l’anima”, previsto per lo scorso 10 marzo ed organizzato dalla diocesi, e se ne sono accorti per caso quei grandi “simpaticoni” della federazione provinciale della Lega Nord, che non hanno perso tempo e lo hanno segnalato alla stampa. Inserito nella pagina di apertura del sito stesso, l’evento aveva, ed ha, una pagina specifica dedicata, nella quale chi ha compilato il riferimento web spiega di cosa si tratta, e dà appuntamento a tutti gli interessati. Peccato però che poi, andando a curiosare a fondo pagina, un link fornito come riferimento per avere maggiori informazioni sull’evento porta verso ben altri lidi: si apre una pagina di un sociale network molto noto nella quale signorine poco vestite si presentano ai visitatori invitandoli con pose provocatorie e scritte a luci rosse ad un incontro virtuale. Certamente un errore, questo è chiaro, ma neanche facendolo apposta sarebbe stato tanto esilarante.

di Margherita Mazzarella